Meet_Wally
 
Meet_Wally_Seikou

Vi Presento Wally.
 

Vi Presento Wally.

20 anni. Viene da Brikama, in Gambia.

Per raggiungere Lampedusa, ha attraversato sei nazioni: il Gambia, il Senegal, il Burkina Faso, il Niger, l’Algeria, e la più pericolosa di tutte, la Libia.

Il suo viaggio è durato sei mesi. Ha attraversato il deserto del Sahara con sette litri d’acqua e, come tanti altri che hanno compiuto lo stesso viaggio, ha visto dei corpi e delle tombe grossolane sul cammino—una cosa molto comune in queste zone.

Ha passato cinque mesi in Libia. È stato catturato e ha passato due mesi e due settimane in una prigione libica, dove veniva picchiato con frequenza. Porta delle ferite sulla testa e sul collo, dove è stato colpito col calcio di una pistola. Gli hanno provocato dei tagli al braccio con un coltello. Era insanguinato dalla testa ai piedi.

Ha passato due mesi in un ghetto libico per tentare di guarire. Aveva una ferita profonda sullo stinco, così gonfia da non permettergli di camminare. Quando ha raggiunto la costa libica, altre persone lo hanno dovuto sollevare per farlo salire sull’imbarcazione. La ferita sullo stinco è ancora visibile e si sta cicatrizzando. 

Ha attraversato il mar Mediterraneo a bordo di un gommone con 121 persone, fra cui 25 donne e “più di tre neonati,” racconta. Hanno passato la notte al largo e sono stati recuperati da una nave tedesca il giorno successivo.

In seguito, i migranti sono stati trasferiti dalla nave tedesca a un’imbarcazione della Guardia Costiera italiana, sulla quale hanno passato tre giorni. Avevano freddo. Spesso, i migranti soffrono di ipotermia dopo il viaggio.

Sulla nave della Guardia Costiera, un tizio gli ha calpestato il piede, e lui ha reagito dicendo “che diamine?!” Quel ragazzo era Seikou (19 anni, gambiano; nella foto insieme a Wally) e aveva lavorato come camionista con il fratello di Wally. Ora sono amici.

Wally portava delle infradito e una maglietta quando l’ho incontrato perché i suoi vestiti più pesanti erano stati rubati da un altro migrante che era stato poi trasferito sull’isola di Sicilia.

Il padre di Wally è morto, ma vivono ancora sua madre, una sorella, e un fratello. “Se abbiamo una famiglia, siamo felici,” afferma. Ha uno spiccato senso dell’umorismo e sa salutare in italiano, anche se ammette di non saper parlare la lingua.

Wally è un essere umano straordinario.

 

Traduzione: PF